Che dire di Westworld?

la-critica-impazzisce-per-westworld-v3-272151
WESTWORLD (Jonathan Nolan)

Considerazioni sparse sul pilot della serie con Anthony Hopkins e Ed Harris.

Dolores vive tutti i giorni la stessa vita: si sveglia, saluta il padre, fa le sue commissioni, ritorna a casa prima che cali la luce e i banditi entrino in azione. Senza averne sentore, lei e gli altri compaesani sono in realtà robot senzienti progettati e istruiti per divertire i turisti del futuro: miliardari che vogliono vivere una selvaggia e violenta esperienza in un paesino di frontiera ai tempi delle sparatorie nei saloon.

westworld-gunslinger

La nuova serie tv della HBO basata su un vecchio film degli anno ’70 si propone presumibilmente di candidarsi ad erede della fortunata avventura medievale di J.R.R. Martin, Il trono di spade. E infatti, facendo tesoro di quell’esperienza, WestWorld sembra riproporre gli elementi che garantirono il precedente successo, riducibili ad una violenza esplicita nei giochi di potere e una discreta dose di nudità (in proporzioni meno consistenti rispetto al passato, ma comunque presente).

Non è però Il trono di spade il principale punto d’appoggio alla serie, almeno a giudicare dal pilot. WestWorld riprende per l’ennesima volta spunto da tanto cinema di fantascienza, Blade Runner (e daje!) in primis. Insomma l’era immaginata da Dick non sembra finita, e così i vari personaggi della serie sembrano ridursi alla logica creatore-creatura, in, manco a dirlo, instabile equilibrio: 30 anni fa poteva funzionare, oggi la fiacchezza dell’assunto si avverte dal momento che il cinema sul punto ha detto tutto (A.I.). Poi arriva The Truman Show a dettare legge: stavolta però Ed Harris non è il creatore, ma un misterioso cowboy solitario deciso a giocare al di fuori del rapporto binario appena citato – e ci si augura possa rappresentare un filo narrativo avvincente.

wwhr-7.0

È palese come i film citati possano tradursi in un sostanziale punto di debolezza per gli episodi a venire, ma confidiamo che il patrocinio di Jonathan Nolan e J.J. Abrams sappia partorire da premesse note esiti invece originali (un po’ come nel recente 10 Cloverfield Lane, operazione che non a caso porta la firma del regista di Star Wars).

Che dire allora? Le notti porteranno consiglio, il giudizio è sospeso con la speranza che la fase di stanca che si avvertiva nella parte centrale fosse dovuta solo e unicamente alla lunghezza dell’episodio. La critica americana ha già avuto modo di vedere tutti i primi 4 episodi, e già si parla di una profonda riflessione sulla natura stessa dell’intrattenimento. Staremo a vedere…

Voto episodio: 3,5/5

I.B.


Anthony-Hopkins-in-Westworld-Season-1

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *