Tag Archives: anthony hopkins

Che dire di Westworld?

la-critica-impazzisce-per-westworld-v3-272151

WESTWORLD (Jonathan Nolan) Considerazioni sparse sul pilot della serie con Anthony Hopkins e Ed Harris. Dolores vive tutti i giorni la stessa vita: si sveglia, saluta il padre, fa le sue commissioni, ritorna a casa prima che cali la luce e i banditi entrino in azione. Senza averne sentore, lei e gli altri compaesani sono in realtà robot senzienti progettati e […]

Continue reading »

La Leggenda Di Beowulf – La Recensione

/shots/beo/home/temp/linh/mm.120_75984.0119.tif

Film che riesce a convincere grazie alla sua confezione incredibilmente seria e violenta, in nulla debitrice del “300” di Snyder | Prima di Beowulf, Robert Zemeckis aveva girato un film a suo modo rivoluzionario, il tremendo Polar Express, che però non gli aveva dato il successo sperato – e non a torto! A dire il vero nemmeno questo Beowulf, storia del celebre […]

Continue reading »

The Wolfman – La Recensione

thewolfman18

Wolfman (Joe Johnston, 2010) Ennesima trasposizione di un cult che manca di fare il salto di qualità | Lawrence Talbot (Benicio del Toro), interprete teatrale, fa ritorno alla villa del padre (Anthony Hopkins) dopo anni di rottura e assenza. Motivo: l’inaspettata morte del fratello causata da una bestia immonda che si nasconde nelle brughiere e nei boschi circostanti. Compito di Talbot […]

Continue reading »

Alexander – La Recensione

Image from the movie "Alexander"

Alexander (Oliver Stone, 2004) Un kolossal completo sotto ogni aspetto. | Pur avendo ricevuto giudizi dalla critica tutto sommato indegni di un grande regista quale Oliver Stone evidentemente è, Alexander è un capolavoro (o quasi) non annunciato. Come suggerito dal titolo il film narra le gesta dell’omonimo re macedone (Colin Farrell), l’uomo che, dopo aver conquistato il mondo, “si crucciava che non vi fosse un […]

Continue reading »

Noah – La Recensione

Image from the movie "Noah"

Noah (Darren Aronofsky, 2013) Aronofsky cerca di conciliare le due anime del film, riuscendo a regalarci un Noè uomo tormentato e profondamente umano, capace da solo di salvare un film in alcuni passaggi improponibile | Quando Aronofsky decise di trasporre i noti passi biblici della Genesi era ancora un bambino di 13 anni. Ma la storia del patriarca (che Darren […]

Continue reading »