Il Grande Match – La Recensione

Image from the movie ""
Il Grande Match (Peter Segal, 2014)
Modesto, divertente e piacevole: non si poteva chiedere di più al Grudgement Day |

grudge_match_ver2_xlrgUn po’ perplesso dalle indegne recensioni collezionate dal film, in aperto contrasto con l’entusiasmo dichiarato di Robert De Niro con cui l’attore si è catapultato dentro all’ultimo progetto di Peter Segal, ho deciso di vedere al cinema Il grande match, storia di due vecchi pugili (De Niro e Stallone) la cui leggendaria rivalità li porta a considerare l’ipotesi di tornare sul ring per un “grudgement day” che sancisca definitivamente il migliore tra di loro. In mezzo, drammi familiari e love story da commedia rispondono presente.

La commedia di Segal -alimentata da sequenze di box tutto sommato ben coreografate dallo stesso Stallone- espone i temi più ricorrenti in questo genere di film, dalla rivalità tra i due nemici fino al rispetto che nutrono l’uno per l’altro (ben nascosto sotto un’ondata di insulti reciproci), dall’amore alla famiglia, dalle gioie ai rimpianti. E sebbene il materiale sia nei suoi risvolti più intimi drammaticamente potente, Segal si mantiene leggero e la sua commedia riesce ad intrattenere per la sua intera durata senza cali di ritmo. Pur seguendo uno sviluppo in qualche modo prevedibile infatti, Il grande match ci appare sempre come qualcosa di totalmente autentico, tanto che se da un lato alcuni critici sottolineano la vanità di temi come la rivendicazione degli anziani in una società dominata da eroi giovani, dall’altro è innegabile che, in una nazione invecchiata come la nostra, questo tema potrebbe rendere anche uno spensierato film americano come questo stranamente attuale e sottile.

Notevolmente invecchiati da quando potevano permettersi di spogliarsi a petto nudo su un ring riscuotendo applausi scroscianti ma con la stessa voglia di mostrarsi davanti alla cinepresa, Stallone e De Niro convincono come solo due vecchi amici sanno fare, ben supportati dall’esilarante Alan Arkin e da una Kim Basinger che è ancora oggetto di contesa.

Un film non perfetto, ma scorrevole, piacevole, modesto e divertente. Non si poteva chiedere di più al “Grudgement Day”!

– I.B.

E a voi è piaciuto il film? Aggiungete un commento!

Visita la pagina IMDb del film!

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *