Chi sono

Chi sono

 


"L'era glaciale" fu il primo film che vidi al cinema: non ho ricordi nitidi di quell'esperienza se non qualche flash delle gag con lo scoiattolo Scrat. Nasco nel 1995, a cavallo tra analogico e digitale. Vivo un'infanzia con molteplici e intercambiabili interessi, consumando le VHS di "Tarzan" e dei Looney Tunes. Alle scuole medie vengo introdotto da parte di un professore particolarmente coraggioso (grazie!) ad un Cinema autoriale che, con stupore postumo, mi vede apprezzare indescrivibile atmosfera de "Il settimo sigillo" a scapito della magniloquente Los Angeles di "Blade Runner" (ampiamente rivalutato, in preda alla nostalgia, pochi anni dopo).

Per tutti i capolavori che vedo in quegli anni in classe ("Una scomoda verità", "Lawrence d'Arabia", "Il sorpasso", "L'albero degli zoccoli", "Io ti salverò", "Il pianista", "Schindler's List" e altri), puntualmente crocifissi dagli studenti a favore di un più modesto "King Arthur" (che, ammetto, adorai sulle prime), fanno da contraltare i canonici filmetti da liceo visti nelle molte -ma mai abbastanza- ore di assenza dei docenti (su tutti "svetta" ovviamente l'orrido "American Pie").

Fortunatamente mi appassiono al Cinema con la "c" maiuscola ancora giovane - sebbene in modo graduale - conoscendo registi come Clint Eastwood e proseguendo con i vari Spielberg, Coppola, Mann, Malick, Raimi, Lynch, Cronenberg ecc... Si segnalano gusti in evoluzione, con una nuova passione per il wuxia cinese e per i messaggi veicolati dai capolavori di Kubrick.
Sebbene veda tantissimi film, in tempi recenti uno su tutti svetta incontrastato per caratura cinematografica e intensità emotiva: il mai troppo lodato "Una tomba per le lucciole"...

Film della vita: Tarzan, Io ti salverò, Blade Runner, Una scomoda verità, Il settimo sigillo, The tree of life, Taxi Driver, Mulholland Dr., Eyes Wide Shut, La tigre e il dragone, Una tomba per le lucciole

In questo sito trovate le mie opinioni in merito ai film, buona lettura!